Giochi da tavolo: Warhammer Fantasy Battle, gli eserciti dell'Ordine

Che ne dite se oggi andiamo a vedere quali siano gli eserciti dell'Ordine nel gioco da tavolo Warhammer Fantasy Battle?

Bentornati nel fantastico mondo del gioco da tavolo di miniature Warhammer Fantasy Battle. Dopo aver visto il regolamento e come si gioca, oggi andremo a fare una rapida carrellata sugli eserciti dell'Ordine, in modo che se siete interessati a cominciare questo gioco, potrete decidere più agevolmente quale esercito comandare. In linea generale nel mondo di Warhammer Fantasy Battle ci sono 18 eserciti fra cui scegliere, sei dell'Ordine, otto della Distruzione e quattro Neutrali. Andiamo dunque a vedere quali sono le armate degli eserciti dell'Ordine di Warhammer. Come di consueto, se i giocatori esperti di Warhammer volessero dare qualche consiglio o fare qualche precisazione, sono i benvenuti nei Commenti, questa è solamente una panoramica generale dedicata a chi si avvicina al gioco per la prima volta.

Gli eserciti dell'Ordine di Warhammer


Warhammer Elfi Alti

Come dicevamo, sono sei gli eserciti dell'Ordine in Warhammer Battle Fantasy. Fondamentalmente lo schieramento dell'Ordine, quindi del Bene, è formato dai regni degli Umani di Bretonnia, Impero e Kislev (a quanto pare non più giocabile), da uno dei popoli elfici, ovvero gli Alti Elfi, dai Nani e dagli Uomini Lucertola:


  • Uomini Lucertola: abitanti rettiliformi dei continenti di Lustria e delle Terre Meridionali. Erano i servitori degli Antichi, il popolo di viaggiatori spaziali che portò la civiltà nel mondo di Warhammer prima del Caos. Sono i custodi del pianeta, quindi lottano continuamente contro i Demoni del Caos insieme agli Alti Elfi. Sono grandi combattenti, soprattutto la casta dei maghi-sacerdoti Slann. Diciamo che tutti gli Uomini Lucertola hanno una potenza superiore alla media, ma anche il costo in punti lo è
  • Alti Elfi: sono i nobili abitanti del continente di Ulthuan, discendenti delle antiche civiltà elfiche, sono coloro che vantano cultura e conoscenza fuori dall'ordinario. Le truppe sono estremamente addestrate e disciplinate, lancieri e arcieri sono il nucleo dell'esercito a cui si affiancano le truppe d'elite composte dai Maestri di Spada di Hoeth e dalla Guardia della Fenice. Al comando di solito troviamo maghi potentissimi. Ricordiamo come gli Alti Elfi siano in grado di utilizzare la forza dei Draghi, dei grifoni e delle grandi aquile. Di solito un'armata di Alti Elfi è formata da poche truppe attentamente selezionate, i maghi sfoltiscono i ranghi dei nemici supportati da arcieri e baliste. Occhio però al notevole valore in punti che fa sì che spesso siano in inferiorità numerica. E come tutti gli elfi resistono poco al combattimento corpo a corpo
  • Bretonnia: ecco il reame umano in stile feudale. Sia in pace che in guerra segue il codice d'onore della religione di Stato, ovvero il culto della Dama del Lago e la venerazione della reliquia del Santo Graal. Questa armata ha un'ottima cavalleria pesante, però assai costosa, mentre la fanteria composta da armigeri e arcieri viene utilizzata solamente come supporto (o come carne da cannone)
  • Impero: questo è il regno umano con struttura federale, diviso in province e città stato. Gli uomini sono devoti a Sigmar Heldenhammer che unificò le tribù per resistere al Caos. Nella sua armata trovate di tutto: artiglieria, cavalleria leggera, cavalleria pesante, fanteria e maghi di ogni tipo e genere

  • Kislev: era il regno umano civilizzato più settentrionale. I Kisleviti sono sempre in guerrà con le tribù confinanti adoratrici del Caos. L'armata era formata dalla cavalleria d'elite, mentre i maghi usano una magia basata sul ghiaccio. Ma questo esercito non è più giocabile

  • Nani: razza tenace, i Nani vivono nelle montagne dei Confini del Mondo. Sono al declino, ma tengono molto alle tradizioni, all'onore e alle promesse fatte ai loro dei. Sono abilissimi fabbri capaci di creare armi da guerra che non usano la comune magia, bensì simboli runici. L'armata dei Nani è formata da un esercito fortemente corazzato e assai lento, ma che non si arrende mai. La loro tattica è quella di indebolire il nemico con archibugi, balestre e artiglieria pesante, salvo poi ingaggiare il corpo a corpo

Foto | Herval

  • shares
  • Mail