Beyblade - Toysblog intervista il campione Andrea Zamuner Cervi!

Beyblade Zamuner

Se c'è una frase che descrive appieno il campione italiano di Beyblade Andrea Zamuner Cervi è sicuramente "un fiume in piena"! Simpatico, pieno di vitalità, competente e molto bravo, Andrea si è "concesso" a noi di Toysblog per un'intervista molto speciale dove, tra le altre cose, il campione ci spiega bene la differenza tra Beyblade "classici" e Beyblade Metal Fusion! Ma andiamo a conoscerlo meglio...

Conosciuto in rete con il nickname di asafarakaratara, Andrea Zamuner Cervi gioca ai Beyblade da ben otto anni. Affascinato dal lato competitivo/modellistico dei Beyblade, Andrea vinse il suo primo torneo amatoriale nel nord Italia in poco tempo e, trascinato dalla passione, il ragazzo ha fondato solo un anno fa la Italian World BeyBlade Organization che, al momento, è una delle community italiane più grandi legate al mondo dei Beyblade.

La passione di Andrea è davvero irrefrenabile e, come andrete a leggere in questa piccola intervista (che troverete subito dopo il salto), il campione è veramente molto competente e di sicuro sa "il fatto suo". Inoltre ci spiegherà parecchie cose circa i nuovi Beyblade e le varie meccaniche quindi, se volete anche voi leggere cosa Andrea ha da dirci, non vi resta che leggere la nostra intervista "parola per parola"!

Toysblog - Ciao Andrea, ci puoi spiegare bene la differenza tra i "vecchi" Beyblade e i Metal Fusion?

I BeyBlade in plastica sono nati con un determinato sistema, che si è evoluto negli anni, un sistema che ha visto molti cambiamenti. In seguito ai BeyBlade in plastica ce stata anche una serie che si potrebbe quasi definire la serie intermedia tra i BeyBlade di plastica e i MetalFusion, ovvero gli HMS. Comunque sia, la principale differenza consiste nel fatto che i BeyBlade ora sono più piccoli ma molto più pesanti e aggressivi e la maggior parte della superfice di contatto tra i due BeyBlade, durante un combattimento, è di metallo. Sono composti da 5 pezzi: un bullone detto FaceBolt che può essere sia in plastica che in metallo, un anello detto Energy Ring in plastica, un anello detto Fusion Wheel in metallo (che è una delle parti fondamentali di questi nuovi BeyBlade), il pezzo centrale detto Spin Track e la punta detta Performance Tip che può essere in metallo, gomma o plastica.

Toysblog - Parliamo di trick: quali sono le mosse/combo più facili da eseguire?

Sicuramente uno dei lanci meno complessi da eseguire è uno di quelli che si applica ai BeyBlade di Difesa/Durata, ovvero: mantenendo ferma la mano che impugna il lanciatore, dovete lanciare il vostro BeyBlade al centro dello stadio. Questa è una delle tecniche più semplici,anche se non va sottovalutata! Attenzione: molti blader alle prime armi sottovalutano l'importanza di saper lanciare in modo stabile senza muovere la mano che tiene l'impugnatura del lanciatore! Con l'esperienza si possono apprendere tecniche come lo Sliding Shoot, che è una tecnica che permette di controllare in maniera particolare alcuni BeyBlade di attacco e gli permette di colpire anche i BeyBlade di Difesa o Durata più stabili che non si muovo dal centro dello stadio.

Toysblog - Su Youtube girano parecchi video con trick e combo spiegate dagli utenti. Cosa ne pensi? Sono davvero così "facili" da eseguire?

E' molto utile condividere i propri risultati, i propri trick, le proprie tecniche di lancio con gli altri Blader, e penso che YouTube sia un ottimo strumento per farlo! Penso che questo lato del BeyBlade, quello che riguardi il Lancio, e come li chiami tu, i Trick, sia molto simile all'allenamento che si fà per molte discipline sportive: per riuscire bene bisogna allenarsi. E, con l'allenamento, quasi tutti possano riuscire ad eseguire la maggior parte delle tecniche che si vedono su YouTube! Ovviamente alcune sono più facili e con pochi tiri le si ha già in pugno, altre invece sono più difficili ma, con il giusto allenamento, quasi tutto è possibile! Io, per alcune tecniche (come quella dello Sliding Shoot), mi sono allenato per molte ore, ma sono riuscito a "farla mia". Bladers, se una tecnica non vi riesce non demordete e continuate a provare!

Toysblog - Ovviamente parteciperai ai Nazionali 2011 di Beyblade: ti senti pronto?

Quando ho saputo la notizia che il 26 Marzo ci sarebbero state in tutta Italia le qualificazioni ai nazionali ufficiali Hasbro...beh, sono stato felicissimo!
Parteciperò e cercherò di fare del mio meglio! Anche se chiaramente non posso sapere cosa mi riserverà il futuro! Certo è che darò il massimo e cercherò di non arrendermi! Indipendentemente da come vadano le cose, sono felice che ci sia la possibilità di giocare con i BeyBlade in tutta Italia: penso che sia un opportunità importante per giocare e conoscere nuove persone!

Toysblog - Hai in mente di stupirci con qualche nuova combo o preferisci non anticiparci nulla?

Probabilmente utilizzerò una combo che mi hanno consigliato mio padre e il mio fratellino minore...siamo una famiglia di Bladers! Però mi assicurerò che questa combo porti da qualche parte il mio simbolo porta fortuna: il leone (che è il segno zodiacale della mia ragazza)!

Toysblog - Credi che il "fenomeno Beyblade" crescerà ancora in Italia?

Penso che il fenomeno BeyBlade crescerà ancora molto, il BeyBlade secondo me ha ancora molto potenziale da mostrare a grandi e piccini!
Spero sinceramente che nei prossimi anni tutte le comunità di BeyBlade attuali trovino una migliore armonia e, ovviamente, spero che ci saranno tornei e campionati sempre più grossi e meglio organizzati. Ma sopratutto spero che i ragazzi della mia età e perché no, anche persone più grandi, si rendano conto che il BeyBlade è sì un gioco per bambini, ma può essere anche molto di più!

  • shares
  • Mail