Giornata per i Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza tra Unicef e attività

In occasione della Giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, l'Unicef Italia promuove "Io Come Tu. Mai Nemici Per La Pelle". La campagna, lanciata nel 2010, ritorna in campo per l'affermazione dell'uguaglianza dei diritti e l'eliminazione delle discriminazioni per tutti i bambini e gli adolescenti, a partire da quelli di origine "straniera" che vivono, crescono e studiano in Italia.

Recenti indagini affermano che: "la discriminazione, basata sull'origine etnica, è considerata la forma più diffusa di discriminazione sia in Europa (61% degli intervistati) sia in Italia (71% degli intervistati) e in base ai dati emersi il 44% degli Europei e il 50% degli italiani ritiene che il proprio Paese non faccia abbastanza per combattere le diverse forme di discriminazione". Cosa fare oggi, 20 Novembre, per essere realmente attivi in questa giornata così speciale? Apprendere dai bambini della scuola elementare "Bottego di Bologna", che ci hanno conquistato con la loro meravigliosa spontaneità e soprattutto giocare con le parole per prendere in giro il razzismo e rendere inoffensive le parole che hanno il potere di colpire, creando dolore!

In una data così importante è anche giusto non perdere di vista, quindi ricordare, anche tutti gli altri diritti dei bambini e rendere le nuove generazioni protagoniste di un cambiamento sociale positivo.

Quindi che siate genitori, nonni, insegnanti o ragazzi, il nostro consiglio è quello di celebrare la giornata coinvolgendo i giovanissimi e anche i più piccoli e per farlo in modo divertente, ma pur sempre educativo, potete condividere una serie di attività creative, proposte dal delizioso sito "Maestra Mary", che per l'occasione regala disegni da colorare dei diritti dei bambini, striscioni, segnalibri, risorse gratuite da stampare, schede didattiche per approfondire l'argomento, una coinvolgente "Marcia dei Diritti", poesie da imparare e per finire un magico viaggio tra i "Diritti Naturali dei Bambini".

[Via Unicef]
[Video YouTube]

  • shares
  • Mail