Giovedì d’autore: Licia Troisi, intervista con la scrittrice italiana del Fantasy moderno

Licia Troisi

Chiude per ferie (ma riapre a settembre) Giovedì d’autore, ma lo fa in grande stile. Licia Troisi, la scrittrice romana che ha avvicinato le nuove generazioni di lettori al genere Fantay, ci ha concesso una breve ma bella intervista in cui risponde ad alcune domande che noi di Toysblog, con piglio attento ma molto amichevole, le abbiamo formulato. Simpatica e molto disponibile, Licia Troisi si dimostra una persona semplice ma piena di risorse e interessi, sempre attenta a quello che la circonda e profondamente consapevole di quello che dice. Ma bando ai preamboli e passiamo subito la “palla” alla dottoressa Troisi:

Ciao Licia,"La ragazza Drago" e nelle librerie dal 15 aprile e sembra stia avendo un buon riscontro. Cosa ci puoi dire?

Licia Troisi: Che ero molto preoccupata per questo libro. Per i miei standard è un esperimento, dato che ha un tono diverso dai miei lavori precedenti ed è ambientato nel mondo reale. Sono però contenta di come stanno andando le cose.

Una cosa che qualsiasi lettore carpisce dei tuoi romanzi e il ruolo centrale della donna. Da Nihal a Dubhe, hai creato delle eroine forti e sensibili ma capaci di grandi cose. Credi che l'universo Fantasy abbia bisogno di un "tocco rosa" (anche se è riduttivo chiamarlo così)?

Licia Troisi: L'iconografia classica è in effetti molto maschilista, penso soprattutto al mondo dell'illustrazione. Quel che credo è che non esistano generi letterari "da maschi" o "da femmine", ma piuttosto modi differenti di guardare alla vita. In genere gli sguardi degli scrittori differiscono da quelli delle scrittrici, soprattutto nell'attenzione che le ultime dedicano alle psicologie dei personaggi.

Hai altre passioni oltre la scrittura?

Licia Troisi: Mi piace il cinema, sono appassionata di telefilm (proverbiale la mia ossessione per Lost), mi piace la musica, sia sentirla che praticarla (da sei mesi sto cercando faticosamente di imparare a suonare la chitarra).

Come avrai notato, Toysblog e un sito che parla di giochi a 360°. Quali sono i tuoi giochi preferiti?

Licia Troisi:Ho un grande rimpianto per i giochi di ruolo, che mi hanno sempre affascinata, ma che ho praticato pochissimo nella mia vita. Mi piacciono i giochi da tavolo; ricordo interminabili partite a Hotel o a Risiko con gli amici. A volte mi diletto di videogiochi, ho avuto un vero e proprio innamoramento per l'ultimo episodio di Thief, che mi ha anche ispirata per La Setta degli Assassini. Quando voglio rilassarmi, mi dedico ad un bel sudoku.

Una curiosità: sei laureata in astrofisica, collabori con l'Agenzia Spaziale Italiana e sei una scrittrice abbastanza proficua. Trovi un po di tempo anche per te stessa?

Licia Troisi: Combatto per trovarlo. Ad esempio, sono sei mesi che ho iniziato a suonare la chitarra da autodidatta; tempo non ce ne sarebbe, ma ogni tanto ho bisogno di fare qualcosa solo per il mio piacere, così si rosicchia un minuto qua e uno là.

A proposito della tua laurea, le conoscenze assorbite con anni di università ti hanno aiutato anche nel tuo lavoro di scrittrice?

Licia Troisi:Non particolarmente. Credo più che altro che la mia mentalità scientifica mi aiuti nella stesura dei libri; mi permette di darmi una disciplina (scrivere un tot di pagine a sera, farlo tutto le sere) che è una cosa che mi serve molto quando scrivo.

Quali sono i tuoi scrittori fantasy preferiti?

Licia Troisi: Jonathan Stroud, autore della Trilogia di Bartimeus, lo adoro, e mi è piaciuto molto anche La Saga di Earthsea di Le Guin.

Un’ultima domanda: cosa diresti a un ragazzo o ad una ragazza con la passione della scrittura? Quali consigli vorresti dargli?

Licia Troisi:Innanzitutto di leggere molto. Scrittura e lettura sono strettamente legati, la prima senza la seconda non esiste; poi di cercare il confronto col pubblico, quindi farsi leggere, possibilmente da persone che ci vogliono bene a sufficienza da criticarci, anche aspramente se è il caso, e poi tentare di proporre il proprio manoscritto, alle case editrici o alle agenzie letterarie.

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: