Risiko, il gioco di strategia dove la guerra si fa per gioco.

Gioco a Risiko da quando ho imparato a non mangiare i carri armati.E perdo da allora. Ho all' attivo 2 vittorie in circa 20 anni di gioco (una per abbandono degli altri concorrenti, e l' altra per guerre intestine) , eppure non riesco a smettere di giocarci, e di amarlo!

Ho visto gente arrabbiarsi tantissimo giocando, prendere così sul serio il fatto di aver perso il Giappone da piangere lacrime amare, e la Kamchatka resistere per intere partite con un solo carro armato!

Risiko è un gioco per 3-6 giocatori, ognuno sceglie il colore delle sue armate, prende tanti carri armati quanti segna il libretto delle istruzioni e li posiziona sui territori che riceve. Lo scopo del gioco è quello di raggiungere l' obiettivo segreto che gli è stato consegnato.A turno i giocatori attaccheranno e difenderanno i territori tirando dei dadi, in caso di pareggio chi si difende vince.

Il meccanismo è semplice, basta capire poche regole,la cosa più complicata è imparare a costruire delle strategie che aiutino ad avvicinarsi alla vittoria, ma le si impara giocando, all' inizio bisogna confidare nella bontà di cuore dei nostri avversari e nella fortuna ai dadi.

Negli anni sono uscite un sacco di versione di Risiko, il classico, Deluxe, Futurisiko, S.P.Q.Risiko e Risiko Star Wars, e il sito ufficiale ne spiega bene le differenze, avvicina alle regole e alla strategia, e parla di tornei e campionati.

La cosa che mi piace di Risiko è veder nascere alleanze, rubare i carri armati degli altri quando si distraggono, e sapere che non c'è mai niente di sicuro, che gran parte del risultato dipende dal risultato dei dadi, e questo pone tutti più o meno sullo stesso piano. Bisogna però entrare bene nello spirito del gioco, evitare di arrabbiarsi, e perdere con filosofia...

E poi è un gioco. E il tabellone di Risiko è l' unico posto in cui accetto la guerra.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: