LEGO per adulti. Piccoli mattoncini per bambini grandi

ITLUG Latina 2012Lego sembra non esaurire mai argomenti e spunti di riflessione non solo sul gioco di costruzione in sè, ma di come sia diventato a tutti gli effetti un vero e proprio medium di innovazione e creatività trasversale fra design e produzione attraverso la pratica che noi adulti definiamo "gioco". Il gioco è faccenda seria. Diceva Bruno Munari: « C'è sempre qualche vecchia signora che affronta i bambini facendo delle smorfie da far paura e dicendo delle stupidaggini con un linguaggio informale pieno di ciccì e di coccò e di piciupaciù. Di solito i bambini guardano con molta severità queste persone che sono invecchiate invano; non capiscono cosa vogliono e tornano ai loro giochi, giochi semplici e molto seri. » (Munari, Arte come mestiere, 1966). La riflessione di Munari ci dice di coniugare il senso del gioco con l'età, a vivere da adulti la straordinaria esperienza del gioco (così vicina a quella dell'arte), che per intensità e valore nulla ha da invidiare alle esperienze più "mature".
Di questo e di Lego parla LEGO per adulti, Piccoli mattoncini per bambini grandi, un sito che frequento da poco ma che subito mi ha convinto, merito forse del fatto che il mio ritorno al gioco è passato tramite la medesima esperienza dell'autore. E' un racconto di esperienze dirette, di consigli pratici e di riferimenti, un blog nel senso più classico del termine. Da mettere fra i preferiti. L'ultimo suo post è un bel report sul raduno “ITLUG Latina 2012″ che ha raccolto il 30 aprile gli appassionati Lego del Lazio ( e immagino da tutta Italia) realizzato da ItLUG e Romabrick.

[foto: bricksnspace]

  • shares
  • Mail