Giochi da tavolo: Warhammer Fantasy Battle, gli eserciti Neutrali

Oggi andiamo a terminare il nostro viaggio alla scoperta delle armate del gioco da tavolo Warhammer Fantasy Battle andando a parlare degli eserciti Neutrali.

Il nostro viaggio alla scoperta delle armate giocabili nel gioco da tavolo Warhammer Battle Fantasy oggi termina con gli eserciti Neutrali. Dopo aver visto gli eserciti dell'Ordine e gli eserciti della Distruzione, oggi andremo a dare un'occhiata a queste quattro armate. Fondamentalmente sono solo quattro eserciti, di cui adesso sono giocabili solamente tre. Come di consueto, se ci fosse qualche esperto giocatore di Warhammer Fantasy Battle è benvenuto nei Commenti con i suoi consigli e suggerimenti, questo articolo è dedicato infatti a chi si avvicina al gioco per la prima volta, per i dettagli lascio la mano agli esperti.

Gli eserciti Neutrali di Warhammer Fantasy Battle


Warhammer elfi

Come anticipato, sono solamente 4 gli eserciti Neutrali di Warhammer Fantasy Battle, di cui fra l'altro solo tre sono giocabili. Fondamentalmente sono formati da guerrieri a cui non interessa la battaglia che infuria fra Ordine e Distruzione, scelgono il loro schieramento esclusivamente sulla base del loro tornaconto personale. Gli eserciti Neutrali di Warhammer Battle Fantasy sono:


  • Re dei Sepolcri: se andate nella regione attualmente desertica di Khemri, troverete i resti del più potente regno umano mai fondato, distrutto eoni fa dagli incantesimi di Nagash, il primo dei necromanti. La cultura del regno di Khemri dava molta importanza al culto dei morti e alla ricerca della via eterna, peccato che adesso siano dei non-morti. Infatti volendosi vendicare della distruzione del loro impero, gli eserciti dei principi di Khemri si sono risvegliati grazie alla magia sotto forma di scheletri, evocati dai cadaveri dei sacerdoti ierofanti e comandati dalle mummie dei loro re. Fondamentalmente le truppe dei Re dei Sepolcri sono fragili, ma non si ritirano mai e sfiancano il nemico con tattiche di logoramento, grazie anche al loro numero. in più i Non-morti khemriti utilizzano grosse statue di pietra animate con la magia
  • Mastini della Guerra: si tratta di Guerrieri di professione utilizzati come mercenari dagli altri eserciti. La maggior parte sono Umani provenienti dalle penisole dell'Estalia e della Tilea, ma potete trovare anche Ogri, Mezzuomini e Nani fra le loro fila. Fra di essi ci sono dei reggimenti famosi, particolarmente ben addestrati noti come Compagnie di Ventura: i più famosi sono i Venatori di Voland e i Balestrieri di Barganza. Questo esercito può schierare truppe diverse, abbiamo falangi di picchieri umani e arcieri mezzuomini, mentre le Compagnie di Ventura forniscono truppe specializzate. Questo è però l'esercito che non è più giocabile
  • Regni degli Ogri: gli Ogri si trovano sui Monti del Lamento, suddivisi in tribù. Gli Ogri sono sempre accompagnati dai servi Gnoblar, che combattono contro chiunque non paghi i tributi, anche se a volte possono venire assoldati da altre razze. Gli Ogri sono dei possenti guerrieri, spesso adottano armi d'assedio. I Gnoblar pelleverde sono totalmente asserviti ai padroni Ogri e talvolta scendono in battaglia accanto a loro, fondamentalmente sono carne da macello. Alleati di questo esercito sono gli Yeti, i Rinocebui, i giganti schiavi, i mostri noti come Ingordi e le tigri dai denti a sciabola
  • Elfi Silvani: gli Elfi Silvani discendono dagli Elfi Alti. Dopo la guerra delle Barbe, hanno preferito rimanere nel Vecchio Mondo, rifiutandosi di abbandonare le loro colonie. Qui hanno imparato a vivere immersi nella natura della foresta di Athel Loren, diventando amici degli spiriti arborei e difendendo i boschi dagli attacchi dei Pelleverde e degli Uominibestia. Gli Elfi Silvani sono abili arcieri, la loro tattica vincente è il mordi e fuggi, sono maestri delle imboscate e spesso sono affiancati dalle Driadi e dagli Uominialbero, utilizzati nelle mischie più dure. Il loro punto debole è la scarsa robustezza e l'estrema specializzazione delle truppe


Foto | Godswearhats

  • shares
  • Mail