Scarabeo, il gioco: regole, prezzo e parole ammesse

Un gioco famoso, antico ma che non passa di moda, didattico ed educativo. E’ lo Scarabeo, gioco da tavolo che consiste nel creare parole di senso compiuto accumulando punti.

Variante italiana dell’inglese Scrabble, Scarabeo oggi appartiene alla Editrice Giochi e piace a giocatori di ogni età. È composto da un tabellone di 17x17 caselle, sulle quali si vanno ad inserire le parole formate dalle lettere di cui si dispone , 8 per giocatore.  La parola si può incrociare con le altre presenti sul tabellone, chiedendo "in prestito" delle lettere di cui non si dispone; a differenza dello Scrabble, nello Scarabeo c’è il Jolly, tessere che assumono il punteggio della lettera di cui prendono il posto e che possono sostituire una lettera (nello Scarabeo si può prendere lo scarabeo dalla plancia di gioco e sostituirlo con la lettera che rappresenta).

Quali parole sono ammesse sulla plancia dello Scarabeo? Tutte quelle italiane presenti sul vocabolario, comprese anche molte sigle, mentre non sono ammessi i termini arcaici, letterari e poetici anche se lemmatizzati nei dizionari.

Per vincere bisogna riuscire, utilizzando le lettere a disposizione, a comporre sulla griglia di gioco parole di senso compiuto, sfruttando al meglio le caselle speciali e gli incroci di parole che vi consentiranno di ottenere i punteggi migliori. Alle lettere è associato un valore che determinerà, alla fine, il vincitore della partita. Vince chi ha una buona padronanza della lingua e capacità di calcolo, per accumulare i punti.

L’intero regolamento del gioco si trova sul sito di Editrice Giochi. Il prezzo di vendita consigliato è di 29,99 euro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail