Second Life Toys, i peluche per sensibilizzare sul trapianto di organi

Second Life Toys è un'organizzazione che ricuce su peluche rotti parti di altri peluche

Second Life, ovvero seconda vita. Doppia possibilità, seconda chance che si offre ad un’altra persona donando una parte di sé. Il Giappone sensibilizza i più piccoli sull’ importanza e l'utilità del trapianto di organi utilizzando, come è solito fare questo Paese, un'idea geniale. Ovvero dei peluche a cui altri peluche hanno donato una zampa, un’ala o un’altra parte del proprio corpo. E così la giraffa a cui manca una zampa viene aiutata dalla scimmietta che le dona la sua, o l'elefante senza proboscide riceve in dono la coda colorata di un simpatico scoiattolo, e tutti sono felici.

Questa campagna è stata promossa perché la situazione dei trapianti d’organi in Giappone è veramente disastrosa: ogni anno solo 300 persone su un totale di 14 mila  in lista d'attesa riescono ad ottenere un trapianto di organi. Per i bambini poi la faccenda è anche più critica, così per sensibilizzare l'opinione pubblica un'organizzazione chiamata Second Life Toys ha ideato questo progetto.

In pratica l'organizzazione ricicla vecchi peluche a cui mancano delle parti completandoli con altre parti di altri peluche. Giocattoli che da soli non potrebbero più funzionare insieme ritornano a vivere una nuova vita. Second Life, appunto. Se anche voi volete donare i vostri amici di pezza all’organizzazione, qui troverete tutte le informazioni.

Credits  | Second Life Toys

  • shares
  • Mail