Doraemon: che passione!

Gacha Gacha Doraemon Ricordate Doraemon, il buffo gatto robot giunto dal futuro? Era protagonista di un manga di Fujiko F. Fujio da cui è stato poi tratto un anime mandato in onda, per la prima volta in Italia, negli anni '80 dalle reti Rai.

Il gattone senza orecchie in questione viene inviato indietro nel tempo per vegliare sul pigro e svogliato Nobita Nobi, per proteggerlo, consigliarlo e cercare di renderlo un uomo maturo e responsabile. In gioco c'è il futuro di Nobita e di tutte le generazioni future della famiglia del ragazzo che rischiano di cadere sul lastrico per colpa del loro inconcludente antenato.

Il gatto ha una tasca sulla pancia come un marsupio che fa da portale di collegamento verso un'altra dimensione. E' da qui che Doraemon estrae i suoi incredibili oggetti solitamente inutili se non addirittura deleteri per il povero Nobita. Riesce solo a combinare un mare di guai.

Navigando in rete ho scoperto tanti giochi legati a Doraemon. Un simpatico Doraemon volante, una figurina in vinile da collezione, il set di figure in plastica con i personaggi della serie, o ancora i peluche.

Poi, il Gacha Gacha Doraemon (nella foto) figura in plastica e metallo di 12 cm tratta dal film "Nobita's Dinosaur", per ora uscito nelle sale solo in Giappone. Il giocattolo non è altro che un gachapon e funziona così: se mettete una capsula nell’apposito spazio dietro la testa di Doraemon, il gatto inizia a dimenare la coda, gli occhi cambiano espressione e un'altra capsula a forma di sfera esce fuori dalla sua super tasca. Il gioco è venduto con una serie di 20 piccoli giocattoli legati al film che potete inserire nelle sfere di plastica incluse.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: