Lammily, la Barbie "normale" con brufoli e smagliature

Si chiama Lammily ed è la bambola normale creata dal designer americano Nickolay Lamm

Chi di voi ricorda la puntata dei Simpson in cui Lisa creava una nuova Malibou Stacy - la Barbie di Springfield - meno frivola, più acqua e sapone e soprattutto saggia? Lo scopo di Lisa - fallito - era quello di mettere sul mercato una bambola più reale e meno stereotipata, in linea con le sue giovani acquirenti e con il loro stile di vita, più segnato dalla quotidianità che dai party in piscina.

E' più o meno quello che l'artista/designer americano Nickolay Lamm ha voluto fare creando una Barbie normale, per dimostrare che "anche la realtà può essere bella".

E così è venuta fuori la sua bambola, chiamata Lammilly Doll (riprodotta in 22 mila pezzi): niente chiome fluenti, vitino a vespa e sorriso smagliante, ma smagliature, cellulite e brufoli da appiccicare sulla fronte grazie al pratico kit di difetti.

E i difetti, si sa, sono davvero tanti: si va dalle punture di zanzara all'acne giovanile, ai gomiti scorticati per via di una caduta fino a lentiggini, bende e occhiali da vista.

Lammily inoltre è più bassa della Barbie originale e più in carne, con tanto di sedere e cosce con smagliatute e cellulite. E poi indossa abiti comuni, comodi e soprattutto non sorride tutto il tempo.

79edacf3-a0f1-4a4c-a9a4-d1d98e7bb808

Per produrre la sua bambola normale, l'artista ha lanciato una raccolta fondi tramite una petizione online che ha letteralmente sbancato, andando ben oltre le sue aspettative iniziali: 501 mila dollari in pochi mesi.

Il denaro è stato utilizzato da Nickolay per realizzare questa bambola - che nel frattempo è letteralmente andata a ruba - ma servirà anche per la realizzazione del Ken, il compagno di Barbie, in versione normale. Via tartaruga e bicipiti scolpiti, sostituita con una bella pancetta da birra e villosità varie su petto e schiena.
Per dotare la sua bambola di un degno compagno, ma anche per evitare le prime accuse sessiste provenienti dal campo femminista che lo tacciavano come misogino.

Credits | Lammily.com

Lammily
Lammily

  • shares
  • +1
  • Mail