Breaking Bad, le action figure creano problemi

Ancora problemi per i giocattoli ispirati alla serie drama Breaking Bad. Questa volta è stata lanciata una petizione contro le action figure.

Ancora problemi per i giocattoli ispirati alla serie drama Breaking Bad. Dopo le polemiche sul playset Lego, dall'America giungono altre polemiche indirizzate questa volta alle action figure di Walter White e compagni.

Le spettacolari e inquietanti figure sono state messa in vendita da Toys R Us. Una mamma americana ha subito dichiarato guerra alla catena di negozi di giocattoli americani Toys R Us, "colpevoli" di vendere le action figure dei protagonisti della serie televisiva "Breaking Bad". E' stata organizzata una petizione che è stata firmata da migliaia di persone (attualmente oltre 9000). I pupazzi riproducono il professore di chimica criminale che dedica la sua vita alla produzione di metanfetamine, e del suo compagno di avventure. E la petizione chiede che i personaggi siano ritirati dagli scaffali.

breaking-bad-action-figure

Una figura articolata che riproduce Walter White, o un'altra il suo ex allievo Jesse Pinkman, può essere un'idea regalo sfiziosa per Natale. Tra gli accessori di White, una pistola, un borsone pieno di denaro contante e un sacchetto di plastica con pasticche bianche, mentre Pinkman porta con sè una maschera antigas. Da lì, la polemica. Capisco che non debbano essere indirizzati ai bambini, ma anche gli adulti hanno il diritto di acquistare giacattoli, non pensate? E poi i bimbi non vedono questo tipo di serie tv per cui non dovrebbero neanche essere interessati al prodotto...

Inoltre l'azienda americana fa sapere che le bambole sono vendute solo nel settore per adulti, la zona con prodotti indirizzati agli acquirenti dai 15 anni in su. Per cui, il problema, non sussiste. I genitori hanno comunque sempre il dovere di spiegare e rispondere alle domande dei bambini...e una risposta in più non può che fare bene.

[Via America24]

  • shares
  • Mail