Kingsport Festival, il nuovo gioco da tavolo a tema Lovecraft di Giochi Uniti

Vi piace Lovecraft? Adorate le atmosfere dei suoi romanzi privi di speranza? Ecco che la Giochi Uniti fa allora uscire il suo nuovo gioco da tavolo di socierà Kingsport Festival.

Per chi ama le atmosfere lugubre e inquietanti di Lovecraft, ecco un nuovo gioco da tavolo edito dalla Giochi Uniti: si tratta di Kingsport Festival. Si tratta di un gioco da tavolo di società, partiamo subito dal prezzo: siamo sui 59.95 euro, costo che potrebbe subire delle variazioni a seconda dello store presso il quale lo ordinerete. Si tratta di un prezzo comunque elevato, magari va bene come idea regalo di Natale. L'età minima consigliata è di dodici anni, quindi non va bene come regalo per una famiglia con bambini piccoli, a meno di non voler sentire le proteste di questi ultimi per il fatto che non possono giocarci o che si annoiano durante il gioco.

Il gioco da tavolo Kingsport Festival di Giochi Uniti


Kingsport Festival

La durata media di una partita a Kingsport Festival della Giochi Uniti si aggira sui novanta minuti e si può giocare da un minimo di tre ad un massimo di cinque giocatori. Sia la lingua della scatola che del manuale saranno in italiano e possiamo catalogare Kingsport Festival come un gioco da tavolo tematico su base horror, con uso dei dadi. Non c'è invece testo di gioco, quindi è un gioco indipendente dal linguaggio.

Realizzato da Andrea Chiarvesio e Gianluca Santopietro, Kingsport Festival vanta una descrizione alquanto inquietante. Ci troviamo nel buio, a Kingsport: qui vagabondi silenziosi sono convocati ad una festa profana. Il loro compito è semplice: devono richiamare orrori impensabili, terrori provenienti né da questo mondo né da altri, ma piuttosto dagli spazi vuoti fra le stelle.

Ovviamente ci sono degli investigatori alquanto incauti e sprovveduto che cercano invano di fermare questo oscuro capitolo della terribile storia di Arkham. Nel gioco Kingsport Festival potrete interpretare il ruolo del sommo sacerdote di uno di questi culti d'ombra, cercando di dominare la città: potrete invocare creature cosmiche e divinità empie per ricevere i loro doni, ma nel contempo dovrete riuscire a preservare la vostra sanità mentale e a contrastare gli investigatori che tenteranno di fermarvi. Il gioco è alquanto intrigante in quanto questa volta sarete voi i cattivi.

Kingsport Festival si configura dunque come un gioco basato su culti bizzarri e ambientato nel mondo inventato da Howard Philips Lovecraft. Il gioco dura dodici round, ciascuno di essi suddiviso in sei fasi. Tutti i Cultisti lanciano i dadi: chi ha ottenuto il punteggio più basso comincia ad invocare un Dio Anziano utilizzando uno o più dei loro dadi. Una volta che tutti i dadi sono stati collocati o che i giocatori hanno passato il turno in ordine crescente, ecco che gli Dei Antichi daranno i loro doni ai Cultisti che li hanno evocati, provocando però nel frattempo una perdita di punti di sanità mentale.

I Cultisti a questo punto recuperano i loro dadi e, rispettando i turni di gioco, potranno mettere il loro disco in un edificio collegato ad un altro che già hanno reclamato, a partire dalla loro casa. Per fare ciò dovrà utilizzare delle risorse. Ci sono poi raid da affrontare, investigatori da smascherare, incantesimi da utilizzare: se i Cultisti hanno la meglio ricevono ricompense, altrimenti verranno puniti. Dopo sei turni i Cultisti confrontano quanto hanno ottenuto per vedere chi ha vinto.

  • shares
  • +1
  • Mail